Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2014

"I gatti di Nizamuddin" di Nilanjana Roy

Immagine
Ho ricevuto in regalo questo libro dalla mia cara Simo  insieme ad altri per il giorno della mia laurea. Ci ho messo più del previsto a leggerlo perché sto lavorando davvero tanto, ma d'altro canto è stato un bene portarmelo dietro così a lungo, mi ha tenuto compagnia nei momenti difficili e ora mi sento un po' sola senza Miu-Miu, Beraal, Mara, Mancino, Hulo, Katar, Ozzy e tutti gli altri. Attenzione SPOILER

Primo video dal set di EP7

Abbiamo finalmente il primo video dal set di Episodio 7 con il nostro JJ Abrams che ci racconta di un concorso, a cui noi italiani (ma pure i belgi, i thailandesi, quelli di Singapore ecc), non possono partecipare, pare per motivi legati alle lotterie nazionali.  Comunque per vincere tale concorso bisogna fare una donazione all'Unicef e sperare di essere sorteggiati. Alla fine si vince una visita sul set inglese in Agosto e si potrebbe avere la possibilità di finire dentro al film. Da notare la faccetta contenta di JJ: sembra un bimbo felice.  E da notare il bellissimo animatronic! Buona visione!    Tra le novità interessanti abbiamo anche il nome del regista del primo spin off: Gareth Edwards, già autore dell'intrigante Monsters, di cui trovate qui la recensione. Infine, per quanto io non ami il gossip, vi annuncio una lieta novella: il nostro Anakin... ehm Hayden Christensen e la sua Rachel Bilson sono in attesa del loro primo bebè. Auguroni! Ritroveremo presto Hayde

Mostre alle Gallerie d'Italia in piazza della Scala

Immagine
Salve a tutti. Ieri la socia ed io siamo andate ad una conferenza stampa e nel pomeriggio volevamo andare alla Festa del Cinema, ma abbiamo scoperto questo fantastico museo "Gallerie d'Italia" in piazza della Scala che ospita due mostre gratuite: una permanente "Da Canova a Boccioni" e una che terminerà il 29 giugno sull'arte moderna intitolata "Oltre le soglie dell'invisibile". Eccovi alcune foto Buona visione. Trovate qui il sito ufficiale.

Star Wars 7: Domani iniziano a girare ad Abu Dhabi.

Immagine
La troupe e il cast, guidati da J.J. Abrams, si troverebbero già negli Emirati Arabi per girare la parte di sequenze ambientata sul Pianeta Tattoine. The National ha confermato l'avvio delle riprese, previsto per domani, di Star Wars: Episode VII . J.J. Abrams batterà il primo ciak del nuovo capitolo della saga fantascientifica nel deserto di Abu Dhabi. Per adesso non abbiamo conferme ufficiali al riguardo, ma dalle congetture fatte fin ora il paesaggio di Abu Dhabi dovrebbe rappresentare il mondo deserto del pianeta di Tatooine (mostrato in cinque dei sei episodi realizzati finora). Secondo The National, nel deserto sarebbe stata ricostruita un'intera città in scala con un mercato, una torre, una casa aliena, una grande nave spaziale e una dozzina di veicoli da sabbia. Si parla anche di un enorme set con un cratere (realizzato con gli esplosivi) che somiglia al luogo di atterraggio di una nave spaziale. La location si trova in un luogo remoto e difficilme

Buon Star Wars Day!

Oggi in tutto il mondo si celebra lo Star Wars Day! E io deciso di farvi un piccolo regalino. Nei giorni scorsi Il Giornale Apollo mi ha chiesto di recensire tutti e sei i film della nostra amata saga. E' stata una fatica, lo ammetto. Ora miei cari blogger regalo queste recensioni anche a voi: La Minaccia Fantasma L'attacco dei cloni La vendetta dei sith Una nuova speranza L'impero colpisce ancora Il ritorno dello jedi E che la Forza sia sempre con voi!!! p.s: a quanto pare lo Star Wars Day di Roma è stata una sola! In pratica la sfilata è durata solo un'ora e i figuranti erano persone che son venute da tutta Italia, a gratis. Quindi se non fossero venuti questi appassionati da tutti Italia non ci sarebbe stato nessuno pagato dagli organizzatori (?)! In tutto il mondo lo Star Wars Day dura appunto un giorno! Da noi solo un'ora! E tra l'altro c'è gente che ancora continua ad andare a Roma convinta che durerà

Ayrton Senna - E così sono già passati venti anni

Immagine
Vi lascio qui sotto l'articolo che ho scritto due settimane fa per il Giornale Apollo . Non riesco a dire altro.   così sono già passati venti anni. Tra gli ultimi giganti della Formula Uno, capace di fare cose davvero impossibili, di fare sorpassi esagerati, di fare vere e proprie acrobazie, di buttare fuori i suoi nemici, senza vergogna e con una buona dose di strafottenza, per vendicarsi dei torti subiti. Ayrton era così. Non le mandava a dire. Se gli facevi un torto in gara prima o poi te la faceva pagare: lo sapeva bene il suo amico/nemico   Alain Prost , detto “Il professore”, per il suo essere sempre perfetto, quasi una sorta di nuovo Niki Lauda, anche se Alain sul podio si emozionava, sia quando perdeva sia quando vinceva. Ayrton non era amato da tutti, c’era chi lo adorava immensamente, anche tanti ferraristi (e lui ci teneva a venire alla Ferrari ma non ci è mai venuto) e chi lo odiava visceralmente e, lo ammetto, per alcuni anni lo odiai anche io. Ci misi un po’