Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2014

Giornata della Memoria

Immagine
  Tutti gli olocausti, dallo sterminio dei nativi americani passando per le deportazioni di afroamericani in Usa e i massacri in India, Australia, in Africa, fino ad arrivare ai campi di sterminio di Hitler, Stalin e dei vari regimi di destra e di sinistra, nonché alle stragi in Palestina, Iraq, Iran, Siria, Sudamerica, Congo, Ruanda, Darfur, Cina, Corea, Vietnam, ecc, sono orrori da non dimenticare affinché non si ripetano. Chi nega l'uno in favore dell'altro si dovrebbe vergognare. Ah e giusto per la cronaca: ad aprire i cancelli di Auschwitz fu l'Armata Rossa e non l'esercito americano. Buona giornata.

La prosivendola di Daniel Pennac

Immagine
E come vi avevo detto eccomi a recensire il seguito de "La Fata Carabina" (a sua volta seguito di "Il paradiso degli orchi", primo libro del ciclo Malaussène, che prima o poi leggerò), ovvero "La prosivendola". Io non ho l'assoluta certezza che Daniel Pennac avesse in mente fin dall'inizio una saga, di fatto i suoi libri funzionano tanto da soli quanto in gruppo, è però abbastanza evidente che il tutto (almeno finora) funzioni molto bene, senza sbavature o forzature di nessun genere; quindi mi viene da pensare che questi libri gli siano sgorgati davvero dal cuore e dall'anima. Non sono libri perfetti, nessuno lo è, è oggettivamente impossibile farlo, tuttavia leggendo questi romanzi non posso fare a meno di notare la differenza abissale che vi è con la cosiddetta saga del "Cimitero dei libri dimenticati" di Zafòn, dico cosiddetta perché si vede benissimo che è una forzatura. Scritta bene, scorre bene, ma troppo cose nasco

Grazie Fringe, malgrado tutto.

Immagine
E' passato un anno dalla fine di Fringe.  Non ho dimenticato.  Grazie di cuore,  Malgrado quel finale osceno.  Malgrado le non risposte. Grazie perché mi hai aperto la mente,  mi hai fatto vedere nuove vie,  dato nuove ispirazioni  e mi hai fatto vedere com'è davvero  l'amore tra un padre e un figlio. Grazie anche per la tenera storia d'amore  tra un ragazzo ed una ragazza danneggiati. Grazie per le risate e le lacrime. Ci sono un sacco di citazioni che io amo di questa serie,  ma stavolta credo che basti "I remember. I remember everything"

PECCATI INCONFESSABILI (i dieci film da vedere prima che si esauriscano i tuoi neuroni!!)

Immagine
Buona sera a tutti. Prendendo spunto dal mio amico Sauro in questo suo post  provo anche io a fare la lista dei dieci film eccellenti che non ho visto e che forse un giorno vedrò. Forse. 1- IL PADRINO di Francis Ford Coppola Ebbene sì, mai visto, mi ha sempre annoiato parecchio ogni volta che provavo a vederlo eppure adoro Coppola. Ho visto il Padrino parte Terza però e mi è piaciuto molto. 2- APOCALIPSE NOW di Francis Ford Coppola Qui non è noia, ma proprio mancanza di tempo. 3- LA MOSCA di David Cronenberg mi sono bastati gli spot orrifici degli anni 80. Ho avuto per anni gli incubi. Non credo riuscirò mai a vederlo.

La doppia vita di Veronica di Krzysztof Kieslowski

Immagine
La doppia vita di Veronica (1991) [La double vie de Véronique, Polonia, Francia 1991, Drammatico, durata 98']    Regia di Krzysztof Kieslowski Con Irène Jacob, Philippe Volter, Aleksander Bardini, Halina Gryglaszewska Ho visto questo film un mese fa, ma ho avuto bisogno di tempo per farlo sedimentare. E' un film molto parlato, fatto di inquadrature minimali sui volti, sui corpi e sulla città, come se li volesse guardare più da vicino, esplorandone fino in fondo l'anima. Il regista Krzysztof Kieslowski, prima, molto prima del celeberrimo "Sliding Doors" e del recente "Mr Nobody" oltre che di "Lola Corre", parlò di vite a binari paralleli e di strade non prese sia in questa pellicola sia in "Destino Cieco". Lo fece con molto grazia e poesia, in maniera malinconica e nel contempo speranzosa, attraverso lo sguardo potente e sensuale della magnifica Irène Jacob, giustamente premiata a Cannes nel 1991 proprio p

Capitan Harlock di Shinji Aramaki

Immagine
Capitan Harlock (2013) [Space Pirate Captain Harlock, Giappone 2013, Animazione, durata 115']   Regia di Shinji Aramaki Avrei voluto recensire questo film ieri sera perché avevo ancora addosso le emozioni vivide che mi ha dato, ma ero davvero stanca. E vorrei non dover spoilerare per raccontarvi il mio parere, però temo sia davvero difficile, quindi mi spiace. ATTENZIONE SPOILER

Felice 2014 a tutti!

Immagine