giovedì 17 maggio 2012

Fringe: recensione di Brave New World - 4x21 e 4x22 e Riepilogo 4a Stagione



Eccoci qui a cricetare sull'episodio finale della quarta stagione di Fringe, Brave New World( citazione del romanzo di Huxley) diviso in due parti, 4x21 e 4x22, perché le cose da raccontare erano molte ed era giusto fare un finale lungo.
L'errore è stato non mandarli insieme la stessa sera.
Alla fine della recensione moooooooolto lunga ci saranno anche alcuni miei sproloqui sulla quarta stagione
Al solito SPOILER ALERT
Episodio che come dicevamo si divide in due, parte da Olivia e Peter a casuccia di lei mentre cercano una nuova abitazione ma vengono disturbati dalla solita chiamata in cui si scopre di un attentato alla metro dove alcune persone prendono fuoco da sole, altre si rendono conto che restando immobili la scampano e così si fermano.
Poco dopo arrivano prima Astrid e Walter, che dopo aver pensato che si tratti di un virus con personalità (e tutto ciò fa pensare alla 2x12 e quindi noo, Walter non ricorda), si rende conto che questa gente è stata contagiata dai naniti che provocano la combustione spontanea dei corpi.
Dalle telecamere capiscono che dietro a tutto c'è Jones, che dopo aver dimostrato di essere super intelligente per tre quarti di stagione, si rivelerà una sottospecie di pollo, ma andiamo con ordine.
Viene portata in laboratorio una delle superstiti, Jessica Holt (Rebecca Maden ovvero Charlotte in Lost e Jessica è Charlotte, uguale, cambia solo il colore dei capelli, ma il personaggio è lo stesso), che si offre come cavia, raccontando aneddoti della sua vita famigliare alla tenera Olivia, la quale riesce a salvarla da un attacco di autocombustione, non sa neanche lei come.
La nostra eroina si consola a casa con Peter, raccontando di avere paura del potere che ha dentro di lei perché non lo conosce, il giovane le promette che lo affronteranno insieme e lei chiede se è una promessa, lui risponde sì e si baciano tenerosi.
Purtroppo da fuori si sente un gran casotto, i due vanno alla finestra e mentre Broyles sta passando non lontano, vede esplodere un palazzo tramite un sole artificiale proiettato sempre da Jones.
Nel frattempo Walter controlla la formula dei naniti si convince che dietro a tutto c'è il suo vecchio amico William Bell, che tutti credono morto di un incidente dopo aver scoperto di avere un tumore, Nina è inferocita, dice che "No, l'uomo che conoscevo non avrebbe mai distrutto l'universo" e vabbè, ma Walter è sicuro, tutti lo trattano da matto, soprattutto quando racconta di una visita di Belly al Saint Claire a fine 2005, quando il padrone della Massive Dynamic risulterebbe morto a Natale dello stesso anno.
Il dottor Bishop convince tutti ad andare al Saint Claire, chiede anche ad Olivia se "mio figlio non è troppo impegnato a monitorare il mio antidoto antinaniti,  cerchi di venire qui"...
Il povero Walter va nella sua vecchia cella, dove rilegge le formule, ma non trova niente, qui viene incrociato da un simpaticone di inserviente che gli chiede se è lì per tornare, Walter lo fissa spaventato e Peter, non appena arriva, prende il padre per la spalla e fissa il bidello con aria truce: viene da chiedersi se il simpaticone non sia finito giù dalla finestra...
Si va dalla nuova direttrice,( interpretata da Samantha Noble, la figlia di John),  molto più simpatica e collaborativa del vecchio direttore (uno da prendere a calci in faccia solo che lo vedi la prima volta) , che però ripete che William Bell lì non si è visto, Walter insiste e si fa dare i vecchi registri a mano, la signora acconsente.
Intanto noi spettatori scopriamo che Walter ha ragione, che Belly (Leonard Nimoy) è vivo, è un tantinello sul luciferino e collabora con Jones (ma sarebbe più giusto dire il contrario coff coff coff), il nostro ex amico di Walter dice al suo fido alfiere ( coff coff coff) che Olivia non li ha fregati di nuovo, poi parlano di una scacchiera, dove ci sono le pedine a forma di campana ( tenete a mente sta cosa delle campane) e Belly dice che per ottenere il massimo va sacrificato l'alfiere, che in inglese si dice Bishop, così Jones decide di andare ad ammazzare Peter, il quale notoriamente non subisce mai qualche mazzata fisica e psicologica, nooo...
Il nostro Bishop Jr nel mentre è con Olivia ad andare a fermare sto benedetto sole e dice che non devono (o devono?)incrociare i flussi come in Ghostbusters, Olivia gli dice "Lo sai vero che non capisco niente di quello che dici?" Eh ragazza mia, anche noi, non preoccuparti.
La missione riesce, ma subito dopo arriva una mazzata allo stomaco del povero Peter: Jones lo vuole ammazzare di botte con un piede di porco.
Segue rissa furiosa, anzi più che altro Peter le piglia sane, anche se prova difendersi come può, Olivia viene fermata dalle guardie giurate che non credono che sia un'agente dell'FBI ( e quindi forse finiranno nel deserto a fare le guardie), lei viene costretta a buttare giù la pistola e così facendo butta giù anche le loro, nel senso che le guardie ripetono il suo gesto.
La nostra eroina capisce cosa può fare e manovra il suo fidanzato stile wireless (scena di rara bruttezza), pigliando a mazzate Jones, che alla fine capisce che era lui l'alfiere da sacrificare e ancora una volta finisce con la testa divisa in due: sempre una fine idiota fa questo.
Peter dolorante alla spalla fissa Olivia non riuscendo a capire cosa sia successo, ma pure lei non è che ha capito molto, eh...
Walter, nel frattempo, tramite i suoi esperimenti scopre tracce di materiale di Belly sui registri del Saint Claire e scopre che il cortexiphan ha proprietà rigenerative incredibili, così trascina Astrid al porto sicuro di trovarci il suo ex amico e difatti dopo mirabolanti casini, tra cui Astro che tira fuori il suo lato duro e poi si piglia una pallottola allo stomaco, spunta Bell che si dice sorpreso di rivedere il suo amico.
Fine prima parte.
Seconda parte.
Il dottor Bell fa vedere a Walter la sua creazione, nel senso di nuova genesi, dicendo "Dio ci ha messo sette giorni a creare il mondo, io un po' di più", sì ha perso la brocca e purtroppo quello che dice non sono frasi buttate là, lo sta davvero facendo.
E' lui che vuol creare un nuovo universo (Sempre che non ci sia già, basta solo renderlo visibile, un certo universo viola coff coff coff) distruggendo gli altri due.
Nel frattempo Olivia e Peter (lui con la fasciatura nera che fa tanto pandant con il peacoat) arrivano al laboratorio, non trovano Walter e parlano del trucchetto jedi che lei ha usato, Olivia dice appunto che non sa come ha fatto (viva la sincerità), così lui le dice che deve farsi fare degli esami da Walter e lei sembra che dice quasi un "Sì, signore", poi cercano di chiamare Astrid, ma c'è la segreteria.
Arriva una chiamata di Jessica che dice di essere seguita da qualcuno da quando li ha conosciuti, spunta il nostro osservatore preferito, September, che ha la faccia da beccamorto più del solito e si ritrova intrappolato da qualcosa.
Poco dopo la coppietta arriva a casa di Jessica, non la trova ma in compenso vi è un bel buco sul pavimento proprio dove si era posizionato Septy, ahi ahi...
Altra chiamata, stavolta Broyles che dice che Astrid è rimasta ferita e di portare Walter, ovviamente loro non sanno dov'è, allora si va in ospedale.
Il dottor Bishop prova a far ragionare Belly, che fa sembrare lo stesso Bishop Sr sano di mente anche quando è sotto LSD e il che è tutto un dire, ma il suo amico è irremovibile, gli ricorda che l'idea di un mondo governato da loro fu un'idea sua, di quando morì Peter due volte ( fossi nel nostro Bishop Jr mi farei benedire, comunque), visto che odiava Dio "Come si può provocare tanta sofferenza" e si fece levare apposta i pezzi di cervello per levarsi anche certe idee insane.
Belly prosegue raccontando che con la vecchiaia e la malattia comprese il suo vecchio amico e ora vuole creare quel nuovo mondo, il cui processo di nascita è inarrestabile.
In ospedale Astrid dice solo di ricordarsi che erano al porto, ma non ricorda dove, poi si scusa con Peter per non aver saputo proteggere suo padre, il ragazzo le prende la mano, calmandola e poi vanno a cercare sto benedetto molo.
Lì si trovano di fronte Septy inchiodato sul pezzo di pavimento dalle rune di stasi, spunta anche Jessica che rivela di lavorare per Belly, di tenerli in pugno per via di Walter e di non avere figli, che odia i bimbi, vabbè...
Si mette poi a giocare a tiro al bersaglio con il nostro osservatore, ma lui ferma i proiettili, Jessica ci rivela che non è magia, solo una tecnologia moderna che Belly ha studiato e sa come colpirli (me sa che il dottor Bell è meno fuori di testa di quello che sembra), difatti Jessica tira fuori una mega pistola e spara a Septy che stavolta viene colpito, ci riprova di nuovo e Olivia ferma i proiettili con le mani rispedendoli al mittente così Jessica muore.
Peter riesce a liberare Septy, cancellando parte delle rune di stasi, così il nostro osservatore può muoversi e Olivia ne approfitta per chiedergli "Al teatro dell'opera (4x8, tenete a mente che qui iniziano i casini) mi dicesti che sarei morta in tutti i futuri possibili" lui la guarda "Per me questo dialogo deve ancora avvenire, mi informerò" e sparisce, ne consegue che sarà andato prima al suo macchinario, poi nella 4x8, poi nella 4x14, dove viene rapito e dopo liberato nella 4x15... bello avere la macchina del tempo.
Non sapremo mai chi tra Olivia e Septy ha saputo per primo che la Dunham doveva morire, sembra la storia del "è nato prima l'uovo o la gallina?"
Passiamo oltre, Olivia è seccata visto che la loro unica testimone è morta, Peter però sa come interrogarla, vedersi il pilot e la 1x7 (dove lui stesso parlò con il morto ahah), così porta il cadavere della doppiogiochista al laboratorio di Walter, arriva poi Nina che dice a Peter che un giorno dovrà spiegarle come conosce questa tecnologia.
Si inizia ad interrogare la morta, la quale ovviamente straparla e canticchia, Olivia e Nina non capiscono niente, ma Peter riconosce una delle canzoni e comprende che il dottor Bell è  su una barca.
Nel frattempo si capisce anche che Belly sta usando come fonte di energia Olivia, urge andarlo a cercare, si va tutti alla Massive Dynamic che riesce a monitorare la situazione in attesa che i due universi si sovrappongano, solo allora la missione può iniziare.
Peter si accorge che Olivia è andata da sola in una stanza, cerca di starle vicino come può, ricordandole che non è sola.
Si parte per la missione in mezzo all'oceano sull'elicottero qui Peter vede l'arca, ma gli altri, no, lui è sicuro del fatto suo, così Nina ricorda che la trama tra gli universi è sottilissima e Peter fa notare che lui forse riesce a  vedere l'arca perché è nell'universo rosso e lui viene da lì... e me sa che non è proprio così la cosa, caro il mio Peter...
Nina dice inoltre che Olivia dovrebbe avere il poter di passare nell'altro universo, ma devono farlo insieme, così i due si prendono per mano e si lanciano nel vuoto, si vede la solita linea del passaggio tra universi e un secondo dopo i nostri saltano sull'arca di Noè... ehm di Belly.
Nell'ufficio di questi, Walter sta tentando di montare una vecchia pistola per fermare il suo vecchio amico, spuntano poi Olivia e Peter che subito minaccia Bell, il quale dice che loro saranno i nuovi Adamo ed Eva, che popoleranno la terra ( questo sa troppe cose me sa).
Sul suo tavolo si intravede uno strano macchinario a forma di campana e poi una campanella: è un po' fissato considerando che pure la macchina salva distruggi universi somiglia ad una campana, anzi direi a quelle grosse campane medievali, ma pure al Die Glocke nazista come mi faceva notare Giadina
Bell( che significa campana :P) ripete che il processo è inarrestabile visto che ogni respiro di Olivia porta al collasso, così Walter con la morte nel cuore spara alla povera agente Dunham ( e speriamo sia l'ultima volta che lo vediamo nel finale di stagione), ovviamente in fronte.
E fuori la fusione si ferma e torna il sereno
Peter urla come un disperato, Bell dice "Se questo è ciò che consideri imparare dal passato, lo hai pagato a caro prezzo", suona la campana e sparisce: è andato nel nuovo universo? O nel futuro? E come faceva a sapere tutte quelle cose sulla tecnologia degli osservatori?
Walter dice che Olivia si può salvare, Peter dice che è morta, gli dice di non toccarla e il padre gli tira uno scappellotto, gli parla delle proprietà del cortexiphan che guarisce le ferite, basta tirar fuori il proiettile, ci riesce e la ferita si rimargina.
Padre e figlio si abbracciano commossi.
Si va in ospedale dove Astrid viene dimessa e finalmente Walter la chiama per nome facendo capire chiaramente che fa apposta a sbagliarlo, ma non lo sapevamo già, insieme si pappano le liquirizie rosse preferite da Walter.
Peter va da Liv mostrandole la casa che fa per loro, che si meritano un po' di normalità, lei annuisce felice, ma sembra esitare a dirgli qualcosa ( pare che nel suo viaggio da quasi morta ha visto qualcosa, così dicono gli autori), poi gli rivela di essere incinta, Peter è raggiante, si stanno per baciare, Walter tossisce alle loro spalle ma per fortuna i due per una volta se ne fregano della riservatezza e si baciano commossi sotto lo sguardo di Bishop Sr e di Astrid che sono felici quanto loro.
La grande famiglia di Fringe è riunita finalmente
Tutto è bene ciò che finisce bene?
Un par di ciufoli.
Mentre Walter canticchia una ninna nanna al laboratorio, spunta Septy che dopo il giro luuuuuuuuungo nel passato (difatti è sudato e gli cola il cerone da Fantasma dell'opera) con un'aria allegra dice
"Devi avvisare gli altri. Loro stanno arrivando"
e Walter
"Loro chi?"
Lo sappiamo noi -_-'''''''...
I pelatoni nazistoidi visti nella 4x19.
Ci aspetta una quinta stagione allegra.
Allora, sicuramente non un finale perfetto che ci lascia aperti molti interrogativi per il futuro, di certo si poteva dare un pochino di più nella prima parte, avrei fatto diversamente la scena della wireless, anzi l'avrei evitata proprio, se serviva a far vedere che la connessione tra Olivia e Peter è reciproca hanno toppato in pieno, avrebbero fatto meglio a fare una scena in cui il collegamento fosse mentale e non così da playstation.
Jones morto come un deficiente ci sta, anche se mi spiace visto che il personaggio pareva un genio e si è rivelato un allocco.
Ci sta anche la motivazione di William Bell: il cancro è una malattia terrificante e di sicuro ce n'è abbastanza per odiare Dio.
Felice di vedere nella seconda parte una totale collaborazione tra Olivia e Peter, insieme riescono a fare qualunque cosa ed è avvilente leggere di certi presunti fan che continuano a sminuire l'una in favore dell'altro o l'uno in favore dell'altra.
Di fatto nel finale si è vista tantissimo l'importanza dell'intelligenza di Peter che ha portato a rompere le rune di stasi, interrogare Jessica da morta, capire cosa stava dicendo e in più abbiamo la sua speciale vibrazione che lo ha portato a trovare l'arca in mezzo all'occhio del ciclone e questo fa molto pensare.
Perché se lui ha visto l'arca nella zona in cui i due universi si sovrapponevano, significa che lì erano già nel nuovo universo (sempre che sia nuovo), quindi lui vibra in MI, non in SOL e quindi è Blu+Red Peter.
Inoltre viene da chiedersi come abbia potuto vedere solo tramite la vibrazione tale arca...
Peter che è tormentato, oscuro eppure tenero, generoso e altruista, capace di vendicarsi e perdonare, di vedere oltre le apparenze e di non fidarsi del suo istinto, capace di arrossire e di aggrapparsi alla sua donna senza vergognarsene.
Olivia, i suoi poteri incontrollabili, hanno salvato le cose in vari momenti e rischiato di portare al collasso in altri, bella l'idea di farla vedere come una che non sa con cosa a che fare, bello il suo aggrapparsi al compagno, finalmente riusciamo a vedere il suo vero volto, quello di una donna forte e fragile insieme, una donna che ha paura, ma che combatte nonostante quello, una donna che sa cosa vuole e come ottenerlo.
Ha deciso di riprendere in mano la sua vita insieme a Peter, entrambi due persone ferite di dentro e di fuori, che hanno superato l'inferno e ne sono usciti vivi.
Ringrazio gli autori per la scelta saggia di farli avviare verso la normalità del loro rapporto perché insieme sono cresciuti, mattone su mattone, un rapporto che è dialogo di anime e attrazione fisica all'ennesima potenza.
Ringrazio anche gli autori per averci svelato ancora una volta le magagne di Walter per farci capire ancora di più la complessità di questo personaggio che non è assolutamente lo scienziato matto, chi pensa questo commette un errore madornale ( e la cosa drammatica è che a pensarlo è il suo doppiatore italiano: siamo messi bene -_-), Walter è un uomo che ha tanto sbagliato in passato, che ha commesso dei crimini e che ha compreso la differenza tra bene e male, che ha compreso che non si può sentire Dio anche se può diventarlo grazie alla sua genialità, che deve ringraziare ogni giorno per ciò che ha, ecco perché accetta Peter come dono dall'alto.
Sente di non meritarlo per quello che gli ha fatto passare ( e forse non ha del tutto torto), ma lentamente stiamo superando quella fase, la pazienza di suo figlio, il perdono di Elisabeth Alter, le parole di Alt Astrid e anche perché no le litigate con Peter stesso, gli hanno fatto capire di meritare anche lui un po' di normalità e una famiglia.
Una stagione difficile si conclude, alcune lacune qua e là, troppo poco spazio al Red Verse, i primi episodi troppo lenti ( anche se comprendo la necessità di far vedere quanto fosse brutto il mondo senza Peter), alcune spiegazioni non del tutto chiare sulla vera natura del cortexiphan e da cosa o da chi nasce, altre molto ben fatte su tutte gli osservatori.
Assolutamente geniale l'idea di farli apparire nella prima e nella seconda stagione come esseri onniscienti, onnipresenti ed onnipotenti, ma subito con qualche indizio ( nella 2x8 e nella 2x15) che forse non era proprio così, svelati alla fine risultano umani non umani del futuro con una tecnologia super avanzata ma con poca umanità, solo in due ritornano ad assaporare sentimenti ed emozioni August e September, ma tutti quelli che abbiamo visto sinora ( tranne nella 4x19) fin dall'inizio hanno sempre considerato qualcuno importante.
E tale importanza non è mutata, non nasce dall'affetto, anche perché non si va a spiare la cura per "the boy" in non so quanti, visto che September non era chiaramente solo nella 2x15, se no chi ha avvisato December del casotto che ha combinato?
Spiace che alcune domande forse non avranno risposta, spiace che ci sia ancora gente che dice di amare la serie che ripete "Open your mind" e "Immagine the Impossibilities" eppure nel guardarla, non riesce neanche a coglierne la superficie.
Fringe fa pensare, fa muovere i criceti, ogni episodio, ogni stagione sono sfida e cibo per la mente, chi non comprende questo, forse è meglio che guardi il Grande Fratello.
Voto al finale 9.
Voto alla stagione 8.
Di sicuro la mia stagione preferita resta la seconda.
Alla prossima!

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...