giovedì 7 gennaio 2016

C'è femminismo e femminismo


Buonasera a tutti, anzi data l'ora buonanotte.
Ieri era il giorno della Befana, e il bel post di un signore molto seguito su Facebook, mi ha fatto riflettere su alcune questioni.
Primo: ad una donna pare non essere concesso invecchiare. Deve essere sempre perfetta, bellissima, ecc.
La riprova, l'ennesima, sono la valanga di insulti piovuti contro Carrie Fisher, colpevole di essere invecchiata male (a me non sembra ma vabbè) e quindi non adatta ad essere ancora la principessa Leia.

La signora Fisher ha risposto con ironia e intelligenza, come è nel suo stile, a questi simpaticoni.
E immagino che nessuno di loro sia un novello Paul Newman, ma tanto l'uomo può essere brutto, avere la panzetta, avere dei lineamenti irregolari, i capelli grigi. Va bene tutto.
Uno dei nuovi sex-symbol di Hollywood, Benedict Cumberbatch, che a me proprio non piace come uomo, ha fatto notare che se una donna avesse i suoi lineamenti così strambi nessuno se la filerebbe.
A me le imperfezioni piacciono, tra gli attori che adoro vi sono uomini stracolmi di difetti, non mi piace il modello ken. E sono sicura che moltissimi uomini apprezzino le donne per quello che sono, difetti compresi, tanto che in molti si sono schierati con la Fisher.
Solo mi chiedo perché non possiamo essere noi stesse? Perché ci dobbiamo sempre giustificare per il nostro modo di vestire, di pensare, di essere? Non lo capisco, onestamente.
Se io donna, che prova ad essere scrittrice a tempo pieno, dico di apprezzare i bei ragazzi, come minimo vengo tacciata di essere una donna superficiale, se un uomo dice di apprezzare le belle donne, è un poeta che cerca la sua musa.
Sapete che è stancante e sfibrante?
La seconda cosa riguarda invece la politica e la religione. Sapete che sono di sinistra. Ve l'ho detto varie volte.
Non posso fare a meno di notare come le persone della mia parte politica siano, come dire, molto indulgenti se qualcuno della loro parte è misogino. Può essere un integralista musulmano o indiano oppure un ateo, il discorso è lo stesso: bisogna capirli, sono le loro tradizioni, bla bla bla.
Poi però quando ci sono gli attentanti, giustamente, si dice di non fare di tutta un'erba un fascio.
D'accordo.
D'accordissimo.
E allora perché la sindaca di Colonia, di sinistra, se n'è uscita dicendo che le donne debbono seguire un certo comportamento per non finire nei guai? Siamo impazziti? E' questa l'integrazione che vogliamo? Io donna non posso uscire a Capodanno e se lo faccio e qualcuno mi molesta e deruba la colpa sarebbe mia? Scommetto tutto quello che volete che tale indulgenza (e per fortuna direi, almeno quello) non ci sarebbe con il fanatico cattolico o l'ebreo tradizionalista.
Mi spiace, anzi non mi dispiace.
Se certi atteggiamenti sono stronzate maschiliste restano tali, non diventano rispettabili perché li fanno "i nostri".
Una cosa sbagliata resta sbagliata sempre.


4 commenti:

Krishel Mir ha detto...

Brava socia, bel post. E anche io, come te, penso che Carrie sia invecchiata benissimo. Non si può dire altrettanto di certe persone...

Silvia Azzaroli ha detto...

Soprattutto di cervello cara socia ^_^. Grazie del tuo commento!

Alessandra ha detto...

Brava, condivido cosa dici!
... il link non mi funziona, peccato ero curiosa...

Silvia Azzaroli ha detto...

Grazie Ale! Sono contenta che approvi!
Ho modificato il post, prova a vedere ora. Se non funziona clicca qui https://www.facebook.com/matteo.bussola.1/posts/10208237959131779?pnref=story

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...