lunedì 12 gennaio 2015

Golden Globe 2015 - I vincitori

Per il cinema i vincitori sono…

Richard Linklater premiato per Boyhood
Wes Anderson premiato per The Grand Budapest Hotel



Miglior film drammatico: Boyhood
Miglior film commedia o musicale: The Grand Budapest Hotel
Miglior regista: Richard Linklater (Boyhood)
Miglior attore in un film drammatico: Eddie Redmayne (The Theory of Everything, Stephen Hawking)
Miglior attrice in un film drammatico: Julianne Moore (Still Alice, Dr. Alice Howland)
Miglior attrice in un film commedia o musicale: Amy Adams (Big Eyes, Margaret Keane)

Eddie Redmayne premiato per The Theory of Everything

Julianne Moore premiata per Still Alice


Miglior attore in un film commedia o musicale: Michael Keaton (Birdman, Riggan Thomson)

Michael Keaton premiato per Birdman

Miglior attrice non protagonista: Patricia Arquette (Boyhood, Olivia Evans)
Miglior attore non protagonista: J. K. Simmons (Whiplash, Terence Fletcher)

Patricia Arquette premiata per Boyhood




Miglior film in lingua non inglese: Leviathan (Russia)
Miglior sceneggiatura: Alejandro González Iñárritu, Nicolás Giacobone, Armando Bo, Alexander Dinelaris, Jr. (Birdman)


Jóhann Jóhannsson premiato per The theory of Everything
Miglior colonna sonora originale: Jóhann Jóhannsson (The Theory of Everything)
Miglior canzone originale: Glory (John Legend and Common – Selma)
Miglior film d’animazione: How to Train Your Dragon 2
Premio alla carriera: George Clooney

Solo 2 vittorie su 7 nomination per Birdman mentre Boyhood si porta a casa più statuette con 3 premi su 5 candidature.

Il cast di The Affair premiata come miglior serie drama


Per la televisione i vincitori sono…
Miglior serie drammatica: The Affair
Migliore attrice in una serie drammatica: Ruth Wilson (The Affair, Alison Lockhart)
Miglior attore in una serie drammatica: Kevin Spacey (House of Cards, Francis Underwood)
Miglior serie commedia o musicale: Fargo

L'immenso Kevin Spacey premiato per il suo luciferino Frank Underwood

 Migliore attrice in una serie commedia o musicale: Gina Rodriguez (Jane the Virgin, Jane Gloriana Villanueva)
Miglior attore in una serie commedia o musicale: Jeffrey Tambor (Transparent, Mort/Maura Pfefferman)
La meraviglioa Maggie Gyllenhaal premiata per The Honorable Women

Miglior mini-serie o film per la televisione: Fargo
Migliore attrice in una mini-serie o film per la televisione:
Maggie Gyllenhaal (The Honourable Woman, Nessa Stein, Baroness Stein of Tilbury)
La grande Joanne Froggatt premiata per la sublime Downton Abbey


Miglior attore in una mini-serie o film per la televisione: Billy Bob Thornton (Fargo, Lorne Malvo)
Migliore attrice non protagonista in una serie: Joanne Froggatt (Downton Abbey, Anna Bates)
Miglior attore non protagonista in una serie: Matt Bomer (The Normal Heart, Felix Turner)
Tre serie si portano a casa il maggior numero di statuette: due premi per The Affair, Fargo e Trasparent.



Fonte di questo elenco: Tv and Comics

Allora, ricapitolando: non sto a dirvi cosa penso in dettaglio di The Affair che lo sapete già, diciamo che è quanto meno sopravvalutata e il premio mi pare esagerato, sono però felice per Joshua Jackson anche perché spero che precluda a premi anche per lui che mi pare l'unico attore degno nella serie.
Stendo un velo pietoso sulla vittoria della Wilson: ce ne vuole di stomaco per premiare lei e non una a caso tra Viola Davis, Robin Wright, Julianna Margolis e Claire Danes.
Sono strafelice per la vittoria di Kevin Spacey, immenso come sempre: se avesso perso con il cagnaccio di West penso che sarei andata a prendere a sberle, uno per uno, i membri della giuria.
Felice anche per la brava Maggie Gyllenhaal che personalmente ho sempre amato di più del fratello.
Felice anche per le vittorie di Joanne Froggatt, Thornton e Bomer.

Sarah Treem, autrice di The Affair, con uno dei suoi protagonisti, il bravo e sottovalutato Joshua Jackson.



Dei premi comunque accettabili.
Per quanto riguarda al cinema sono felice per la vittoria della Arquette per l'intenso Boyhood anche se avrei voluto vedere anche Ethan Hawke premiato ma mi va bene anche la vittoria di Eddie Redmayne, attore davvero intrigante che già mi aveva colpito nella riuscita trasposizione televisiva de I pilastri della terra. Felice anche per i premi a Keaton, che pare resuscitato grazie a Birdman, per i meravigliosi Boyhood e Grand Budapest Hotel per i quali mi accontenterei di una nomination agli Oscar perché, data la particolarità di entrambi, sarebbe quantomeno una svolta per l'Academy. E contenta anche per la Adams e la Moore.
Insomma sono soddisfatta nel complesso per il cinema ^^ e tutto sommato anche per la tv.
Scusate il malloppo ma ci voleva. Vi lascio con il divertente discorso di Spacey durante la sua premiazione



1 commento:

Krishel Mir ha detto...

Se non vinceva Kevin era uno scandalo. Tutto sommato nel cinema hanno premiato gente che vale e, a parte The affair, anche per la tv non possiamo lamentarci.
Contentissima per la colonna sonora di The theory. Il compositore merita questo e altro. Lo adoro.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...